Divorzio

Servizio attivo

Consulta il servizio

A chi è rivolto

A tutti i coniugi che desiderino usufruire di tale servizio per cessazione rapporto coniugale.

Descrizione

Sotto il profilo della procedura ci sono due tipi , il divorzio consensuale e quello contenzioso.

 

Come fare

Esistono due tipi di divorzo per procedura  il divorzio consensuale e quello contenzioso.

Nel divorzio consensuale le due parti sono già d'accordo sulle condizioni concernenti l'affidamento dei figli, l'assegno, la casa, la divisione patrimoniale, ecc. Esse presentano un unico ricorso e devono confermare la loro volontà davanti al Tribunale che pronuncerà la sentenza.

Nel divorzio contenzioso uno solo dei coniugi presenta la domanda al Presidente del Tribunale, che stabilisce la convocazione dell'altro coniuge, il quale avanzerà le sue richieste.

ll divorziato, quando non riceve l'assegno che gli è dovuto può ricorrere alle normali azioni esecutive per il recupero del credito. Inoltre, dopo aver richiesto il pagamento con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, se il pagamento non avviene nei successivi 30 giorni, il creditore può notificare la sentenza di divorzio a chi normalmente corrisponde somme di denaro all'ex coniuge (datore di lavoro, inquilino) invitandolo a versare direttamente a lui le somme dovute; se ciò non avviene, il creditore può agire in via esecutiva direttamente nei confronti del terzo.
In ogni caso il datore di lavoro non può versare all'ex coniuge creditore più della metà della somma che deve all'inadempiente. Il Tribunale può anche disporre il sequestro dei beni del debitore e di metà dei suoi crediti per prestazioni lavorative.

Cosa serve

Che il coniuge non rispetti i patti del matrimonio e di casi elencati qui di seguito per legge:


a. Quando i coniugi siano separati legalmente da almeno 3 anni, a decorrere da quando sono comparsi per la prima volta davanti al Presidente del Tribunale, e sia intervenuta la separazione consensuale omologata e la sentenza di separazione giudiziale. Se la separazione è stata di fatto può dare luogo a divorzio solo se è iniziata prima del dicembre 1968.
b. Se l'altro coniuge, cittadino straniero, ha ottenuto all'estero l'annullamento e lo scioglimento del matrimonio e si è risposato all'estero.
c. Se l'altro coniuge è stato condannato con sentenza definitiva a una pena superiore a 15 anni o all'ergastolo, oppure a qualsiasi pena detentiva per incesto o per delitti contro la libertà sessuale o per induzione o sfruttamento della prostituzione; a qualsiasi pena per omicidio volontario di un figlio o per tentato omicidio del coniuge o di un figlio; a qualsiasi pena detentiva, con due o più condanne, per lesioni aggravate, violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti, circonvenzione d'incapace ai danni del coniuge o di un figlio.
d. Se il matrimonio non è stato consumato.
e. Se è stata pronunciata sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso.

  • Per ottenere il divorzio è sempre necessario fare una causa e avere l'assistenza di un avvocato

Procedure collegate

  • Il giudice del divorzio è libero di confermare o modificare quanto stabilito nella separazione perchè le condizioni tali non sono vincolanti.
  • Nel divorzio, la legge prevede l'affidamento congiunto o alternato a entrambi i genitori.
  • Tutti e due riacquistano lo stato libero e possono contrarre nuovo matrimonio valido agli effetti civili.
    La donna perde il cognome del marito, a meno che il Tribunale, su sua richiesta, non la autorizzi a conservarlo per particolari motivi.
    Si perdono anche i diritti ereditari relativi alla successione del coniuge tranne per particolari casi.
  • Gli elementi da tenere in considerazione per l'assegno sono le condizioni economiche dei coniugi, le ragioni della frattura familiare, il contributo dato da ciascun coniuge alla conduzione della famiglia e alla formazione del patrimonio di ciascuno e di quello comune, il reddito di entrambi e, infine, la durata del matrimonio.
  • E' possibile ottenere una liquidazione globale, invece di un assegno mensile se i coniugi sono d'accordo e il Tribunale giudica gista tale licquidazione ed una volta accettata non si potrà avanzare più nessuna altra domanda di contenuto economico.

Cosa si ottiene

Il Divorzio 

Tempi e scadenze

Genitore che cambia residenza o domicilio

  • Deve comunicarlo all'altro genitore entro 30 giorni.

 

Accedi al servizio

Puoi accedere a questo servizio contattando o recandoti presso l'ufficio competente.

Vincoli

  • Non ci si può opporre se la richiesta è motivata dai fatti previsti dalla legge

Casi particolari

  • Uno dei due coniugi si può opporre se è il caso, che mancano i presupposti: per esempio se dopo la separazione legale è avvenuta una riconciliazione.
  • Quando si trova in stato di bisogno e aveva diritto all'assegno di divorzio, può richiedere al Tribunale un assegno periodico a carico dell'eredità. Il Tribunale terrà conto dell'importo delle somme percepite, della gravità dello stato di bisogno e dell'eventuale pensione di riversibilità (vedere gli ultimi due punti di questo capitolo); inoltre terrà conto del valore dei beni ereditari, del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche. Su accordo delle parti l'assegno può essere liquidato in un'unica soluzione.
    Il divorziato perde il diritto all'assegno se si risposa o perde lo stato di bisogno.
  • Nel caso in il coniuge si risposa perde automaticamente l'assegno.
  • Il divorziato/a se non si è risposato/a ha dei diritti sulla liquidazione per fine rapporto di lavoro dell'ex coniuge, in questo caso gli spetta il 40% della liquidazione riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio. In più ha diritto sulla pensione di riversibilità Se l'ex coniuge defunto non si era risposato, il divorziato/a ha diritto a tutta la pensione; in caso contrario, su sua richiesta, il Tribunale gli attribuisce una parte della pensione e degli altri assegni spettanti al coniuge superstite, tenuto conto della durata dei rispettivi matrimoni.

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Ufficio Servizi Demografici ( Anagrafe- Stato Civile- Elettorale)

Jenne, Roma, Lazio, Italia

Telefono int.1: 0774827601
Email: protocollo@comune.jenne.rm.it
Municipio

Pagina aggiornata il 30/11/2023